Gli approfondimenti de La Saponaria

Approfondimenti/ Cura del corpo

Programma solare consapevole

LA PELLE E IL SOLE

In questi giorni d'estate è tornato trionfalmente il sole, indispensabile alla vita, al buon umore e alla nostra buona salute, purchè preso consapevolmente seguendo poche semplici regole per goderne i benefici in totale sicurezza.
Approfondiamo quindi qualche aspetto importante, partendo dai raggi e dal calore che irradia.

Il sole emette raggi di luce visibili ad occhio nudo, calore e raggi di luce ultravioletti non visibili ad occhio nudo. Questi ultimi sono quelli che agiscono maggiormente sulla pelle e sono anche i più pericolosi, se non si presta particolare cautela nel prenderli, poiché possono provocare gravi danni alla pelle e colpi di sole senza avvertire sensazione di calore. Inoltre alcune sostanze chimiche, per lo più farmaci ma anche cosmetici, sono causa di un aumento della sensibilità della pelle ai raggi solari, la fotosensibilizzazione.

I raggi ultravioletti si distinguono in:

  1. Raggi UVA: poco assorbiti dall'atmosfera, penetrano in profondità nella pelle danneggiandola, sono i principali responsabili di rughe, invecchiamento cutaneo e macchie scure, nonostante procurino un'abbronzatura molto rapida.
  2. Raggi UVB: parzialmente assorbiti dall'atmosfera, sono però anch'essi molto dannosi per l'organismo e la pelle poiché sono i responsabili dei colpi di sole, dell'invecchiamento e dei tumori della pelle (melanomi e carcinomi).
  3. Raggi UVC: assorbiti dall'atmosfera, fortunatamente non raggiungono la superficie terrestre, e quindi la nostra pelle, poiché sono i più nocivi.

Ma il sole ha anche effetti positivi, tanti e indispensabili, se preso correttamente.

Il più importante fra tutti è la capacità di stimolare la produzione di vitamina D, indispensabile per la buona salute delle nostre ossa poiché fissa il calcio in esse (solo il 10 % di tale vitamina viene assunto con l’alimentazione, il restante 90% è prodotto grazie all’esposizione ai raggi solari!), inoltre la vitamina D stimola il sistema immunitario e ormonale, recenti studi la ritengono in grado di ridurre il rischio di tumori al seno e al colon e di sviluppare il diabete, infine è importantissima in gravidanza e in allattamento poiché protegge il bambino da rachitismo.

Non dimentichiamo poi le persone affette da psoriasi, dermatiti e acne lieve, per le quali i raggi solari sono un vero toccasana. Importantissimi e riconosciuti sono anche gli effetti positivi che il sole ha sull'umore, la depressione stagionale è infatti legata al numero insufficiente di ore di luce e non a caso compare durante l’autunno per ridursi poi in primavera inoltrata.

IL COLORE DELLA PELLE: IL FOTOTIPO

E' molto importante tenere presente che il colore della nostra pelle, in termini tecnici il fototipo, determina la nostra sensibilità ai raggi solari e di conseguenza il tipo di abbronzatura che possiamo ottenere senza subire danni.

I fototipi sono 6:

  1. Fototipo 1: sono le persone con carnagione molto chiara, efelidi, capelli biondi o rossi e occhi chiari. E' la pelle più sensibile, la reazione ai raggi ultravioletti è elevatissima, con rischio di gravi danni se non protetta al massimo. L'abbronzatura che può ottenere è lieve o a volte anche nulla.
  2. Fototipo 2: sono le persone con carnagione chiara, efelidi, capelli biondo scuro o castano chiaro e occhi chiari o scuri. La pelle di queste persone tende a scottarsi facilmente soprattutto dopo un'esposizione prolungata al sole, l'abbronzatura che la caratterizza è leggera e dorata.
  3. Fototipo 3: sono le persone dei paesi occidentali, con carnagione intermedia, capelli castani e occhi chiari o scuri. Anche queste persone possono scottarsi dopo lunghe esposizioni, ma l'abbronzatura risulta abbastanza intensa ed omogenea.
  4. Fototipo 4: persone con carnagione olivastra o scura, capelli castani scuri o neri e occhi scuro. Si scottano raramente e ottengono un'abbronzatura intensa e duratura.
  5. Fototipo 5: persone con carnagione molto scura, capelli neri e occhi scuri. Non si scottano mai e ottengono un'abbronzatura intensissima fin da subito.
  6. Fototipo 6: sono le persone con la pelle nera, capelli e occhi scuri. Per questo tipo di pelle  la colorazione non varia in base all'esposizione solare.

Per godere al massimo dei benefici del sole in tutta sicurezza è sempre comunque consigliabile non usare mai un fattore di protezione inferiore a SPF 15, coprire il capo e utilizzare occhiali da sole, evitare di esporsi tra le 12 e le 16 e prestare attenzione al fatto che mare e neve riflettono i raggi, aumentandone l’intensità, alla stagione in cui si prende il sole, e alla latitudine in cui ci si trova, in quanto i raggi UV aumentano procedendo dai poli verso l’equatore.

IL PROGRAMMA SOLARE CONSAPEVOLE

Preparare la pelle..

Un buon programma solare consapevole è costituito da 3 fasi: preparare la pelle prima, proteggerla durante, e ripararla e nutrirla dopo l'esposizione.

Per preparare la pelle è bene fare un leggero scrub (trovate delle ricettine facili ma molto efficaci nell'articolo che abbiamo scritto in primavera proprio a questo proposito, oppure il nostro, golosissimo allo zucchero di canna e mandorle, pronto da usare qui), una o due volte alla settimana, che eliminerà le cellule morte e renderà l'abbronzatura più uniforme, brillante e duratura. In più è molto importante che la pelle sia idratata e nutrita poiché il sole, il caldo e la salsedine tendono a seccarla molto. E' importante quindi, oltre ad idratarla dall'esterno, farlo anche dall'interno, attraverso gli acidi grassi essenziali come omega 3 e 6, indispensabili per mantenere l'integrità delle membrane cellulari. Essi sono contenuti principalmente nel pesce, nei crostacei, nelle noci e frutta secca e negli oli vegetali.

Proteggerla...

La pelle..va assolutamente protetta, nel modo più sicuro ovviamente.
E' importantissima una corretta protezione della pelle, in primis attraverso comportamenti prudenti (evitare l'esposizione nelle ore centrali del giorno, indossare indumenti, stare all'ombra..) e in secondo luogo scegliendo prodotti solari cosmetici  il più possibile sicuri ed efficaci.

A questo proposito la stessa commissione europea ha definito delle semplici regole di comportamento e ha normato le indicazioni che i produttori di creme solari devono applicare in etichetta in modo da facilitare la scelta dei consumatori a seconda del proprio tipo di pelle.

Regole di comportamento:

  • È necessario evitare prolungate esposizioni al sole nelle ore più calde (11.00-15.00) e sostare in un luogo ombreggiato fra le 11.00 e le 13.00, ricordando però che alberi, ombrelloni e tettoie non proteggono completamente dalle radiazioni solari
  • E’ anche consigliabile indossare una t-shirt, un capello a falda larga e gli occhiali da sole
  • È essenziale riparare dall’esposizione diretta del sole neonati e bambini. La prolungata esposizione al sole di neonati e bambini accresce, infatti, il rischio di cancro della pelle in età adulta. Sarebbe quindi opportuno non esporre affatto neonati e bambini direttamente ai raggi UV

E’ importante sapere, inoltre, che i prodotti solari garantiscono la loro completa efficacia soltanto se utilizzati in quantità sufficienti, per la protezione di tutto il corpo di un adulto di corporatura media, è necessario applicare almeno 35 grammi di prodotto, che corrispondono approssimativamente alla quantità contenuta in sei cucchiaini da te. Generalmente i consumatori sono soliti usarne solo la metà, pertanto anche la protezione solare risulta ridotta di oltre la metà.
Per mantenere, infine, costantemente la protezione iniziale, i prodotti solari devono essere riapplicati con frequenza, soprattutto dopo aver nuotato, essersi bagnati o asciugati. Tuttavia è importante limitare il tempo di esposizione ai raggi UV per non incorrere nel rischio di una sovraesposizione, da cui non ci preserva la continua applicazione del prodotto solare

Idratarla e nutrirla...

La terza ed ultima fase del nostro programma solare consapevole riguarda l'idratazione e il nutrimento post esposizione. Infatti, anche se abbiamo seguito alla lettera le regole per un'esposizione in tutta sicurezza, la nostra pelle ha comunque bisogno di essere nutrita e rigenerata, con un buon doposole naturale o con oli vegetali e burri naturali, come il karitè o il burro di cacao e con sostanze antiossidanti ad azione riparatrice e preventiva sull'invecchiamento cellulare come la vitamina C ed E, che possiamo trovare nei semi e in tutti gli oli vegetali da essi derivati, nella frutta rossa, arancio e gialla e verdura in genere, nella frutta secca e nei cereali.

La conclusione è che, il rimedio più efficace per proteggere la pelle sotto il sole è il buon senso, limitando l'esposizione nelle prime ore del mattino e nelle ultime della sera, indossando abiti in cotone naturale, cappello e occhiali e cercando di stare riparati sotto un ombrellone, perché i raggi solari passano comunque anche attraverso i tessuti, ma almeno saremo abbronzati, in salute e la nostra pelle e l'ambiente ci ringrazieranno.

Lascia il tuo commento

Cerca Nel Blog

Hai la passione del fai da te? Raccontaci come realizzi i tuoi cosmetici naturali

Invia la tua ricetta

Prima volta su La Saponaria? Prova i cosmetici in formato mini!

Ordina il minikit

Cosmetici Sostenibili

Autoproduzione

Sei un nostro rivenditore o vuoi sapere come diventarlo?

Vai all’area rivenditori

Ti piacerebbe una linea di cosmetici bio con il tuo olio o il tuo marchio?

Produzioni personalizzate