Gli approfondimenti de La Saponaria

Approfondimenti/ Cura dei capelli/ plastic free/ zero waste/ tipo di capelli

La fascia Made in Carcere: una seconda possibilità a persone e tessuti

Oggi vogliamo raccontarvi la storia che anima l’ultimo bellissimo progetto che abbiamo abbracciato. Stiamo parlando delle nostre fasce capelli in cotone di recupero realizzate dalla cooperativa leccese Officina Creativa, attraverso il progetto Made in Carcere.

Avete già visto la nostra Fascia capelli in tessuto di recupero realizzata da Made in Carcere? Si tratta di una fascia dal grande valore sociale e ambientale, ideale per la detersione mattutina e serale ma anche per uscire!

Il progetto Made in Carcere della cooperativa sociale Officina Creativa si occupa di diffondere la filosofia della seconda opportunità per le donne detenute e della doppia vita per i tessuti. Un messaggio di speranza, di concretezza e solidarietà, ma anche di libertà e rispetto per l'ambiente.

Protagonisti del sogno sono donne in stato di detenzione o sottoposte a limitazioni della libertà personale a cui viene offerta l’opportunità di acquisire competenze tecniche e professionali per costruire consapevolezza e dignità. Le loro creazioni sono realizzate attraverso il recupero di sfridi e materiale tessile di scarto che, altrimenti, sarebbero trasferiti agli inceneritori.

Cos’è Made in Carcere e perché l’abbiamo scelto?

Il marchio Made in Carcere nasce nel 2007 grazie al grande lavoro di una donna, come non ne esistono molte, Luciana Delle Donne, fondatrice di Officina Creativa. Luciana sembrava averlo scritto nel nome che nella sua vita si sarebbe occupata e preoccupata di altre donne, abbandonando una carriera in salita in una banca milanese e intraprendendo un percorso lontanissimo da ciò che era in quel momento. Un anno trascorso in Brasile ad aiutare i bambini più bisognosi e da lì tornare in Italia con una nuova consapevolezza: la sua nuova missione sarebbe stata aiutare le mamme, le donne.

fasacia-made-in-carcere-900x600

Luciana entra nel carcere di Lecce e da lì inizia la storia di Made in Carcere. Un progetto attraverso il quale viene offerto un percorso formativo alle donne detenute affinché imparino un mestiere e attraverso questo lavoro riassaporino dignità e libertà. Solitamente i progetti di recupero in carcere permettono di abbattere la recidività di circa il 70%, Made in Carcere negli anni è riuscito a ridurla del 99%, un’impresa a dir poco straordinaria dal bellissimo valore sociale.

Con Luciana, Ilaria e Annalisa, le socie di Officina Creativa, ci siamo scambiati tantissime email, chiamate e messaggi. Abbiamo fatto anche una video-chiamata per concordare precisamente come sarebbe stata la cucitura dell’etichetta perché “tutto doveva essere perfetto”. Siamo rimasti colpiti da tanta attenzione e premura, ennesima conferma di tutta la passione e l’impegno che c’è dietro ogni singola creazione Made in Carcere.

Le donne che lavorano in Made in Carcere producono dei veri “manufatti di valore”, pezzi unici lavorati a mano riutilizzando tessuti di recupero che altrimenti verrebbero inceneriti.



“Lo scopo principale è diffondere la filosofia della seconda opportunità per le donne detenute e della doppia vita per i tessuti. Un messaggio di speranza, di concretezza e solidarietà, ma anche di libertà e rispetto per l'ambiente”.


Per noi de La Saponaria non è la prima collaborazione con un carcere, la nostra Salvietta in bambù è realizzata nel carcere di Vigevano mentre gli altri nostri accessori sono frutto di progetti equosolidali in giro per tutto il Mondo. Per saperne di più si può vedere sul nostro sito la pagina Filiera etica, dove evidenziamo diversi progetti e realtà virtuose che sosteniamo.

fasacia-made-in-carcere-2-900x600-2

Produrre cosmetici buoni per noi stessi e per l’ambiente utilizzando ingredienti bio di altissima qualità è ciò che sappiamo fare e vogliamo continuare a fare sempre meglio, per il tutto il resto cerchiamo di sostenere realtà belle, oneste e intrise di solidarietà che si impegnino con noi a diffondere un messaggio di impegno concreto: Un mondo migliore è possibile! E noi possiamo fare la nostra parte.

Quanto è importante salvare i tessuti e scegliere quelli di recupero?

Tantissimo. Non a caso a marzo 2020 l’Unione Europea ha adottato un nuovo piano di azione per l’economia circolare che prevede una strategia per il recupero dei tessili. Quest’anno la Commissione Europea ha votato il piano chiedendo misure ancora più stringenti in ottica di riciclo, materiali ecologici e dispersione di microfibre perché c’è bisogno di fare moltissimo in poco tempo.

Qualche numero preoccupante:

  • Per produrre una maglietta sono necessari 2700 litri di acqua (il fabbisogno di acqua di una persona di 2 anni e mezzo)
  • Si stima che la produzione tessile sia responsabile di circa il 20% dell'inquinamento globale dell'acqua potabile 
  • Si calcola che l'industria della moda sia responsabile del 10% delle emissioni globali di carbonio
  • Circa l’87% dei vestiti usati vengono inceneriti o portati in discarica

La soluzione?

Comprare meno e meglio! Privilegiare tessuti ecologici, tessuti innovativi come quelli realizzati attraverso frutta, piante o plastica riciclata, e ancora acquistare second hand perché comprare vestiti, ma anche mobili o oggetti di seconda mano è una scelta consapevole, ecologica ed è un regalo enorme per il nostro ambiente!

erika_rosa-2-900x600

La bellezza delle nostre fasce in cotone di recupero

Le nostre fasce capelli Made in Carcere sono realizzate proprio con scampoli di tessuto salvati dagli inceneritori. Ciò che è scarto per qualcuno, per qualcun altro può diventare nuova materia prima ricca di vita e creatività. Si parla non soltanto di riciclo - “recycling” - ma di riciclo creativo - “upcycling” - tramite il quale un prodotto di scarto guadagna una nuova vita di maggior valore. Ecco perché le nostre fasce non sono proprio tutte uguali, alcune sono rosa, alcune rosa più chiaro, alcune rosa a righine bianche e altre beige. Questo perché gli scampoli non hanno grandi dimensioni e consentono soltanto una produzione artigianale. Ma non trovate che così siano ancora più belle?

Belle sì, ma anche funzionali!

Quando abbiamo avuto l’idea di queste fasce, le abbiamo immaginate come “salva-capelli” durante le fasi di detersione, struccaggio e applicazione di maschere viso. Poi le abbiamo viste e abbiamo capito che erano talmente belle da essere indossate sempre, come più si desiderava! Così sono nate tante idee per allacciarle e per indossare questo accessorio in maniera super personale! Noi abbiamo pensato a queste varianti, voi avete altre idee creative? Siamo curiosissimi di vedervi!

New Call-to-action

Lascia il tuo commento

Cerca Nel Blog

    Hai la passione del fai da te? Raccontaci come realizzi i tuoi cosmetici naturali

    Invia la tua ricetta

    Prima volta su La Saponaria? Prova i cosmetici in formato mini!

    Ordina il minikit

    Cosmetici Sostenibili

    Autoproduzione

    Sei un nostro rivenditore o vuoi sapere come diventarlo?

    Vai all’area rivenditori

    Ti piacerebbe una linea di cosmetici bio con il tuo olio o il tuo marchio?

    Produzioni personalizzate