Gli approfondimenti de La Saponaria

Cura del viso/ Beauty routine/ pelle matura

Retinolo: a cosa serve, quando usarlo e le alternative naturali

Fenomenale alleato nella lotta contro l’invecchiamento cutaneo, il retinolo è tra gli ingredienti più amati e al contempo più discussi del panorama beauty: vediamo perché!

La sua fama lo precede! Il retinolo, derivato della Vitamina A, è l’ingrediente must have di tantissime beauty routine che si propongono di attenuare i tanto temuti segni dell’età! Ma con questo ingrediente non esistono solo ‘pro’: utilizzarlo senza le dovute precauzioni può portare numerosi svantaggi per la nostra pelle, di certo non quello che vogliamo da un trattamento che promette di migliorare la bellezza del nostro incarnato! 

Cos’è il retinolo?

Il retinolo fa parte della famiglia dei retinoidi ed è uno dei più famosi derivati della Vitamina A. Non va confuso con l’acido retinoico, anch’esso derivato dalla Vitamina A, che ha caratteristiche ben diverse per quanto riguarda la struttura, gli effetti e il livello di tollerabilità. Facciamo allora un po' di chiarezza!

Dei due il retinolo, il protagonista di questo articolo, è l’unico che può essere impiegato per uso cosmetico, mentre l’acido retinoico, che ha un'azione decisamente più aggressiva sulla pelle, è una sostanza attinente all’ambito farmaceutico e perciò può essere assunto, previa prescrizione medica, solo attraverso farmaci.

Quando viene somministrato come farmaco l’acido retinoico prende il nome di tretinoina ed è utilizzato soprattutto per curare diverse patologie dermatologiche tra cui l’acne, la cheratosi follicolare e il melasma. La sua azione è principalmente quella di esfoliare la pelle, rinnovare gli strati più superficiali dell'epidermide e attenuare le rughe

Il retinolo ha un’azione più blanda e meno aggressiva rispetto all’acido retinoico ma, come vedremo tra poco, non priva di controindicazioni, ma per il momento soffermiamoci sulle sue caratteristiche positive!

braccio-siero

I “pro” del retinolo

Il retinolo ha conosciuto, e conosce tuttora, largo impiego nell’industria cosmetica: non è difficile trovarlo tra gli ingredienti di creme viso anti-età, sieri uniformanti o trattamenti per attenuare le macchie della pelle. 

Questa larga diffusione ha permesso a tante pelli di giovare dei suoi effetti positivi tra cui abbiamo:

  • azione esfoliante: ottimo per rigenerare la pelle, levigare la grana, attenuare le macchie e conferire all’incarnato un aspetto sano e luminoso.
  • azione anti-età: il retinolo neutralizza la molecola che origina i radicali liberi, che sono i principali indiziati quando si parla di invecchiamento cellulare. Inoltre stimola la produzione di collagene ed elastina, le proteine che aiutano a mantenere la pelle elastica e giovane più a lungo. 
  • azione seboregolatrice: questa caratteristica lo rende particolarmente apprezzabile da tutte le pelli grasse o miste che hanno bisogno di tenere sotto controllo la produzione di sebo e la conseguente lucidità. 
  • azione anti-impurità: il retinolo è ottimo anche per contrastare la comparsa di brufoli, acne e per ridurre l’aspetto dei pori. 

Insomma, il retinolo è un ingrediente portentoso, immancabile in qualsiasi beauty routine anti-age o anti-impurità! Ma sfortunatamente, questa “vitamina delle meraviglie” ha anche qualche lato oscuro che la rende inadatta ad alcune tipologie di pelle e, in generale, non così comoda da utilizzare. Scopriamo perché! 

I “contro” del retinolo

In linea generale, i retinoidi, essendo composti molto potenti, possono causare danni più o meno spiacevoli alla pelle. Tra gli effetti collaterali più comuni sperimentati nell’applicazione topica dei retinoidi c’è la dermatite retinoide, una patologia che causa prurito, rossori, secchezza e desquamazione.

Anche il retinolo può dare problemi di secchezza e irritare la pelle anche se in misura minore e meno frequentemente rispetto ai retinoidi più potenti come la tretinoina. 

Un altro aspetto da considerare se intendiamo inserire il retinolo nella nostra skin care routine è che non tutte le pelli lo tollerano allo stesso modo, in particolare se il retinolo è presente nel cosmetico in alte percentuali. Infatti, fino a qualche anno fa, la concentrazione tipica di retinolo all’interno dei cosmetici, in particolare in quelli anti-age, si attestava attorno allo 0,5%, una percentuale che rende l’effetto del cosmetico sicuramente più efficace ma che lo fa diventare anche più difficilmente tollerato, specialmente in trattamenti a lungo termine.

Scegliere cosmetici con una concentrazione più bassa di retinolo diminuisce le probabilità di sviluppare un’intolleranza verso questa molecola chimica, ma non la scongiura del tutto e comunque anche a basse o bassissime concentrazioni il retinolo ha un contro niente affatto irrilevante, soprattutto se si è alla ricerca di un cosmetico da utilizzare nella nostra quotidianità, senza nessuna complicazione: è fotosensibilizzante.

Questo vuol dire che è capace di acuire la sensibilità della pelle alla luce del sole. Le sostanze fotosensibilizzanti sono capaci di assorbire l’energia trasmessa dalla luce e amplificarla esaltando l’azione dei raggi ultravioletti. Questo, oltre ad aumentare la produzione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento della pelle, amplifica i danni prodotti dall’esposizione solare

OlioCanapa-applicazione

Per questo motivo è consigliato utilizzare cosmetici che contengono retinolo solo la sera e, anche con questo accorgimento, è bene proteggere la pelle dall’azione dei raggi UV con un solare dall’spf 50 ed evitare l’esposizione durante le ore di punta, dalle 11 alle 16. 

In definitiva possiamo dire che il retinolo è sicuramente un ingrediente molto interessante per tutte le pelli che vogliono minimizzare gli effetti dell’invecchiamento cutaneo o che necessitano di tenere a bada imperfezioni e lucidità, ma non può sicuramente essere utilizzato ‘a cuor leggero’!

E anzi, durante la gravidanza e l’allattamento non può proprio essere utilizzato! Questo divieto deriva dal fatto che il retinolo ha una notevole capacità di penetrazione che gli consente di raggiungere gli strati più profondi della pelle e di essere potenzialmente tossico per il bambino, causandogli problemi allo sviluppo e difetti alla nascita. 

Se tutte queste controindicazioni e seccature ti stanno, giustamente, scoraggiando nell’utilizzare il retinolo, sappi che non devi necessariamente dire addio a tutti i suoi effetti ‘miracolosi’ perché nel corso degli ultimi anni sono state individuate delle alternative naturali che mimano in tutto e per tutto l’azione del retinolo ma non hanno gli effetti negativi che invece contraddistinguono il derivato sintetico della Vitamina A.

Le alternative vegetali al retinolo

I loro nomi sono ormai diventati virali e sono particolarmente amati da tutti gli skin addicted alla ricerca di un prodotto anti-age! Stiamo parlando del Bakuchiol e del Fitoretinolo, le due alternative vegetali al retinolo, pensate per tutti  coloro che mal tollerano questo derivato sintetico della Vitamina A o non vogliono andare incontro ai suoi possibili effetti negativi.



Il Bakuchiol e il Fitoretinolo, grazie alla loro composizione di natura vegetale, vengono riconosciuti come ingredienti biologicamente compatibili per la cute e perciò non generano nessuna reazione di intolleranza!


Conosciamo meglio questi due super alleati della bellezza della pelle!

Il Bakuchiol

Il Bakuchiol è il principio attivo estratto dai semi e dalle foglie della pianta indiana Psoralea Corylifolia, meglio conosciuta con il nome di Babchi. Di solito si presenta come un composto oleoso che lo rende ottimo per essere utilizzato per creare cosmetici dal potere nutriente, ma è come anti-age che dà il meglio di sé!

Un utilizzo regolare di cosmetici a base di bakuchiol aiuta a ridurre il caratteristico solco delle rughe, compatta ed elasticizza la pelle, la fa apparire più omogenea e più giovane. È ottimo anche per rendere meno evidenti le discromie della pelle! 

Il suo pregio più grande è sicuramente quello di stimolare la rigenerazione della pelle e di favorire la sintesi di collagene, ma il bakuchiol agisce efficacemente anche sulle macchie cutanee, in particolare a quelle dovute ai danni solari, grazie alla sua capacità di regolare la produzione di melanina.

Anche le pelli acneiche e impure lo adorano per via del suo potere antinfiammatorio e antibatterico che riduce l’irritazione causata da brufoli e altre imperfezioni e al contempo aiuta la cute contro l’aggressione di microrganismi patogeni.

Va precisato che il bakuchiol non ha nessuna somiglianza a livello strutturale con il retinolo ma agisce con un meccanismo simile sulla pelle che gli consente di avere tutti gli effetti positivi del retinolo senza però essere contagiato dagli aspetti più negativi e scomodi di quest’ultimo. 

Il fatto che il bakuchiol sia un principio attivo assolutamente ben tollerato dalle cellule cutanee lo rende l’ideale anche per le pelli particolarmente sensibili, inoltre, le creme viso a base di bakuchiol possono essere utilizzate in qualsiasi stagione perché non è fotosensibilizzante, caratteristica lo rende ideale anche per essere utilizzato mattina e sera.

L’ultimo vantaggio è rappresentato dal fatto che il bakuchiol è un ingrediente perfettamente sicuro per tutte le mom to be e i loro bimbi e può quindi essere utilizzato sia durante la gravidanza sia nel periodo dell'allattamento.

Per tutti questi motivi possiamo concludere che il bakuchiol è un’ottima alternativa al retinolo, andiamo ora a conoscere l’altrettanto valido Fitoretinolo!

Fitoretinolo in prima linea alla lotta alle rughe ecco perché non può mancare nella routine anti-age

Il Fitoretinolo

Dai semi della Vigna Aconitifolia, una pianta perenne originaria dell’India e del Pakistan appartenente alla famiglia della Leguminosae, si ricava un principio attivo particolarmente adatto a prendersi cura della bellezza della nostra pelle: il Fitoretinolo. Il suo nome ci rivela già il suo più grande pregio e cioè quello di essere un’ottima alternativa naturale al retinolo!

Questo significa che il Fitoretinolo ha un elevato potere rigenerante per la pelle ma è 100% naturale e, come già abbiamo visto anche per il bakuchiol, ha la massima tollerabilità cutanea. Può quindi essere utilizzato senza problemi da tutte le tipologie di pelle ed è particolarmente gradito da chi ha una cute ultra-sensibile, grazie alla sua azione delicata. 

Tra le sue caratteristiche più apprezzate c’è sicuramente l’azione anti-age che lo rende un ottimo alleato in tutte le beauty routine che si propongono di restituire un incarnato più giovane, compatto. 



Se usato regolarmente, il Fitoretinolo contrasta la formazione delle rughe e ne riduce l’aspetto, rigenera l’epidermide, aiuta la sintesi del collagene e agisce come un potente liftante.


Queste ambite caratteristiche derivano dalle preziose sostanze che si trovano nei semi di Vigna Aconitifolia tra cui troviamo carboidrati, proteine, lipidi, polifenoli e acqua, tutte sostanze ottime per ridare tono e vitalità alle carnagioni segnate dal passare del tempo.

Come già abbiamo visto per il bakuchiol, il Fitoretinolo non presenta controindicazioni e, non essendo fotosensibilizzante, può essere utilizzato tutto l’anno, anche in piena estate, caratteristica che si rivela molto utile per combattere l’invecchiamento cutaneo dovuto all'esposizione solare.

In questo senso il Fitoretinolo non conosce limitazioni perché possiamo inserirlo sia tra i prodotti della skin care mattutina sia tra quelli della beauty routine serale senza dover temere reazioni avverse dalla nostra pelle. La possibilità di applicare il Fitoretinolo mattina e sera aiuta ad ottenere un trattamento più efficace perchè la pelle si mantiene sempre a contatto con il principio attivo e può beneficiare di tutte le sue qualità positive.

Per tutti questi motivi il Fitoretinolo è uno dei prodotti più amati tra gli Attivi Puri, la nostra linea viso tutta dedicata alla cura e alla bellezza della pelle! 

Ma come si utilizza? Niente di più semplice! Il Fitoretinolo è un attivo molto versatile e si presta bene per diversi utilizzi:

  • puro: applica qualche goccia di Fitoretinolo direttamente sul viso aiutandoti con il pratico contagocce e massaggia il prodotto fino a completo assorbimento. Utilizzalo dopo lo step della crema viso o, se prediligi le texture leggere, in sostituzione di questo. 
  • come booster: il Fitoretinolo può essere aggiunto alla tua crema viso o al tuo siero preferito per potenziarne l’azione. 

Il Fitoretinolo è perfetto per tutti coloro che vogliono un prodotto anti-age che giorno dopo giorno vada a minimizzare i segni del tempo facendo apparire la pelle più giovane e tonica, senza nessuna conseguenza negativa: anche le future mamme possono utilizzare questo portentoso attivo in tutta tranquillità perchè nessun ingrediente al suo interno costituisce un pericolo per il bimbo che porta in grembo!

Oltre ad essere naturale, il nostro Fitoretinolo è anche attento alla natura! Il suo pack è realizzato in plastica re-bottle, cioè con plastica riciclata post consumo, un tipo di materiale ancora più sostenibile della normale plastica riciclata! E non è finita qui: il flacone di tutti i nostri attivi è dotato di un utilissimo schermo anti-UV che permette al prodotto di mantenere inalterata la sua efficacia!

Se vuoi scoprire altro sul Fitoretinolo e le sue preziose proprietà puoi approfondire qui. Mai più senza Fitoretinolo!

New call-to-action

Lascia il tuo commento