Gli approfondimenti de La Saponaria

Approfondimenti/ Cura del viso/ Beauty routine/ pelle secca/ pelle grassa/ pelle matura

Cura del viso naturale: tutto quello che devi sapere per una skin care bio

La cosmesi naturale è l’alleato più sicuro ed efficace per la cura del viso. Capace di prevenire i segni del tempo e contrastare diversi problemi legati alla pelle, accompagnerà la beauty routine quotidiana regalandoti un viso luminoso come non mai.
L’arte dell’autoproduzione, con ingredienti 100% naturali, l’utilizzo di cosmetici solidi biologici o di oli essenziali, sono pratiche che miglioreranno la tua skin care con la garanzia di usare prodotti biologici e sicuri.

In questo contenuto affronteremo nel dettaglio il tema della cura del viso, in particolare:

Come riconoscere il proprio tipo di pelle?

Riconoscere il proprio tipo di pelle non è così scontato e prendersi del tempo per comprenderne la fisiologia è fondamentale per migliorare la bellezza e la salute del volto. Tutte le tipologie di pelle hanno caratteristiche ben definite, e necessitano di appositi cosmetici in grado di valorizzarne i punti di forza.

Di seguito andremo a scoprire le peculiarità di ogni tipo di derma, così riuscirai facilmente a capire a quale categoria di pelle appartieni.

New call-to-action

Pelle normale

La pelle normale risulta essere la più sana da un punto di vista fisiologico, equilibrata nel colorito e nella composizione muscolare, non presenta difetti evidenti.

  • Alla vista: Presenta un colorito chiaro e luminoso
  • Al tatto: Compatta e levigata
  • Fisiologia: Si evidenzia una microcircolazione ottimale, produzione equilibrata di sebo e livelli d’idratazione bilanciati risultando tonica ed elastica
  • Segni particolari: Una pelle piuttosto rara negli adulti, ma comune tra i giovani, la sua caratteristica è quella di non presentare imperfezioni evidenti. 

Pelle grassa

La pelle grassa per definizione è una pelle impura per via dell’elevata produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee sottocutanee. Più comune di quanto si pensi è influenzata da fattori legati all’alimentazione e alle fluttuazioni ormonali.

  • Alla vista: Appare spenta e lucida
  • Al tatto: Oleosa ed irregolare
  • Fisiologia: Tipologia di pelle piuttosto comune a tutte le età, una peculiarità che la contraddistingue è associata all’eccessiva produzione di sebo che forma un film idrolipidico spesso e ceroso, incapace di far traspirare la pelle.
  • Segni particolari: Evidenti pori dilatati e accumuli di sebo sottocutaneo, le cause più comuni di pelle grassa sono associate alla genetica, a squilibri ormonali e allo stress cutaneo indotto da agenti esterni.

beauty routine pelle grassa

Pelle mista

Una pelle si definisce mista quando non è uniforme ma presenta un’alternanza di zone grasse alternate a zone secche e si tratta di una condizione costituzionale, ovvero determinata da fattori genetici.

  • Alla vista: La zona T risulta grassa con presenza di pelle secca nelle restanti aree del viso
  • Al tatto: Alterna parti aride quasi secche a zone unte, classiche della pelle grassa
  • Fisiologia: Particolarmente comune, la pelle mista è un connubio di fattori genetici, inadeguata cura del viso ed un abuso di detergenti capaci di sovrastimolare la produzione di grasso da parte delle ghiandole sebacee.
  • Segni particolari: Come è intuibile dal nome la pelle risulta non uniforme e difficile da trattare. Se ritrovi sul viso le caratteristiche della pelle mista, fai particolare attenzione nell’acquisto di prodotti studiati appositamente per far fronte agli imprevisti che possono presentarsi con il cambio di stagione o con situazioni stressanti.

riconoscere la pelle grassa

Pelle acneica

Nelle persone in cui si manifesta un’eccessiva produzione di sebo e un forte ispessimento dell’epidermide, si può sviluppare un ambiente ideale per la proliferazione batterica caratteristica della pelle acneica.

  • Alla vista: È una pelle dalla colorazione grigiastra a tratti rossastra o iperpigmentata a causa dell’infiammazione 
  • Al tatto: Irregolare, con pori dilatati e in alcune zone oleosa
  • Fisiologia: La pelle acneica versa in una particolare condizione, tale per cui le ghiandole sebacee producono una quantità eccessiva di sebo che si deposita nel follicolo pilifero andando a creare il comedone.
  • Segni particolari: Presenza di punti neri e punti bianchi, papule e pustole che se non trattate possono dar luogo a cicatrici.

Pelle sensibile

In assenza di patologie o allergie si definisce pelle sensibile un particolare tipo di pelle, tendenzialmente soggetto a reagire a stimoli chimici e fisici esterni, attraverso eritemi e sfoghi cutanei.

  • Alla vista: Arrossata ed irritata, in modo uniforme o in base ad aree specifiche del viso che risultano essere più delicate 
  • Al tatto: Secca e poco elastica con una spiccata tendenza alla desquamazione 
  • Fisiologia: Può essere associata a malattie dermatologiche o ad una ipersensibilizzazione verso agenti chimici o fisici esterni, capaci di indurre allergie e dermatiti più o meno gravi.
  • Segni particolari: Produce una spiccata sensazione di prurito e bruciore. Inoltre è soggetta alla formazione di piccole rughe e agli antiestetici inestetismi dovuti al photoaging. 

riconoscere la pelle grassa beauty routine

Pelle secca

La pelle secca si manifesta nel momento in cui l’epidermide, ovvero lo strato più esterno, risulta disidratato e screpolato, a causa di un mancato apporto di acqua o lipidi.

Questo tipo di pelle ha bisogno di una continua idratazione, sia esterna attraverso creme o maschere, sia interna attraverso un buon consumo d’acqua giornaliero.

  • Alla vista: Dal colorito spento, per niente luminoso appare subito disidratata e poco elastica
  • Al tatto: Ruvida ed irregolare, presenta un’elevata desquamazione, risultando fragile e sottile
  • Fisiologia: Associata ad un inadeguato grado di idratazione, il processo di evaporazione dell’acqua cutanea è notevolmente più rapido e questo incentiva il processo d’invecchiamento.
  • Segni particolari: Non tutte le pelli secche si identificano come disidratate, alcune sono alipidiche, ovvero dovute ad una insufficiente produzione di lipidi in grado di idratare gli strati profondi del derma.

Pelle matura

La pelle si definisce matura quando inizia il processo di invecchiamento, ovvero a partire dai 25 anni, può esser definita già matura (ovviamente a vari stadi). Gradualmente sarà infatti soggetta ad una perdita graduale di volume e ad un rallentamento del turnover cellulare.

  • Alla vista: Pallida e giallognola a causa della ridotta circolazione sanguigna e priva di elasticità
  • Al tatto: A tratti secca e segnata da diverse tipologie di rughe più o meno profonde
  • Fisiologia: Caratterizzata dal rallentamento del circolo linfatico e della rigenerazione cellulare è limitata negli scambi metabolici e nel drenaggio dei cataboliti che  influiscono negativamente sul processo di senescenza tissutale
  • Segni particolari: Tipo di cute che caratterizza una specifica fascia d’età, ovvero a partire dai 25 anni. Tuttavia con un’adeguata cura della pelle è possibile ritardare l’inesorabile invecchiamento cutaneo, intervenendo precocemente sulla comparsa di rughe e macchie da iperpigmentazione donando al viso un buon tono elastico.

pelle-matura

Ciascun tipo di pelle predilige il suo cosmetico specifico e in alcuni casi adottare prodotti non in linea con il proprio derma, potrebbe causare danni importanti.

Identificare la propria pelle, non è così semplice, a volte potrebbero verificarsi casi particolari, come ad esempio nella pelle mista una sovrapposizione di due categorie.

Se vuoi capire meglio che tipo di pelle hai, puoi effettuare il nostro test qui.

Cura del viso: tutti i benefici di una routine quotidiana

Nella vita di tutti i giorni è fondamentale prendersi cura della pelle del viso, adottando una vera e propria routine quotidiana.

Perchè ti chiederai: è così importante ritagliarsi un momento nella giornata, da dedicare esclusivamente alla skin care del viso?

Di seguito scopriremo insieme tutti i benefici che porta con sé la cura della pelle.

Prevenire i segni del tempo con la cura del viso

L’invecchiamento cutaneo è un processo fisiologico multifattoriale e una tra le principali cause risulta essere proprio la scarsa cura della pelle del viso. Non possiamo decidere di non invecchiare, ma possiamo aiutare la pelle a rimanere più giovane, più a lungo!

  • Si consiglia di mantenere la pelle il più possibile nutrita ed idratata, scegliendo cosmetici in linea con il proprio tipo di derma.
  • Fare massaggi ed esercizi “mirati", così da prevenire cedimenti di pelle come ad esempio l’antiestetico sottomento.
  • Abbandona le cattive abitudini come la sedentarietà o il fumo e valuta di intraprendere un’alimentazione basata maggiormente sui vegetali, in grado di apportare numerosi nutrienti alla pelle.
  • Oltre a capire quale tipo di pelle hai, quando acquisti cosmetici per la cura del viso, in grado di contrastare l’invecchiamento, valuta anche la fascia d’età in cui ti trovi. Una pelle over 50 avrà esigenze diverse rispetto ad una di 35.

Queste sono indicazioni generali, ma come detto ognuno di noi presenta delle specifiche esigenze determinate da fattori peculiari come ad esempio la genetica, l’ambiente e lo stile di vita: ogni caso va valutato di persona in persona, così da intraprendere un percorso ad hoc con risultati tangibili.

massaggio-viso

Schermare i danni solari attraverso la cura della pelle 

Ad oggi conosciamo bene i danni che può causare il sole alla pelle del viso! 

Scegli la miglior crema solare anti macchie e antirughe per il tuo viso ideati sulla base del proprio fototipo, anche la routine quotidiana ricopre un ruolo essenziale, ma in che modo?

Esistono creme giorno in grado di garantirti un ottimo grado di idratazione e allo stesso tempo schermarti dai raggi UV per l’intera giornata, senza che tu te ne accorga.

La cura del viso diventa fondamentale tutti i giorni, perché anche durante una breve passeggiata all’aperto, i raggi ultravioletti riescono a raggiungere la nostra pelle, e neutralizzare i loro effetti è fondamentale.

La cura del viso protegge la pelle dagli agenti inquinanti

Gli agenti inquinanti, così tanti e così piccoli, ad oggi ci accompagnano per intere giornate.

L’obiettivo della cura del viso è anche quello di proteggere il più possibile la pelle da elementi tossici che potrebbero, col passare del tempo, causare problemi cutanei al nostro viso.

Per fronteggiare queste particelle minuscole possiamo da parte nostra:

  • Purificare la pelle
  • Utilizzare prodotti schermanti
  • Far abbondante uso di prodotti cosmetici antiossidanti, come la Vitamina C

Attivati fin da subito e valuta se sono presenti segni d’inquinamento sul tuo viso: analizzando il colorito, quantificando la produzione sebacea e la presenza di alterazioni da sensibilizzazione.

Pochi semplici gesti che se portati avanti con costanza, ti doneranno una nuova luce, una pelle sana, ritardando così gli effetti del tempo. Di seguito andremo a vedere nel dettaglio cosa prevedono questi passaggi essenziali, da svolgere mattina e sera.

Attivi puri ecco perché il collagene vegetale non può mancare in una routine anti-age-1

Beauty routine viso: le regole da seguire per prendersi cura della pelle 

Per una beauty routine efficace le regole sono poche e semplici, ciò che conta veramente è scegliere il prodotto giusto in relazione alla tipologia di pelle, così da rendere la skincare personalizzata in base alle tue esigenze.

Di seguito andremo ad evidenziare i passaggi base essenziali, per intraprendere un percorso efficace nella cura della pelle del viso. 

Non scenderemo nel dettaglio con le diverse categorie di pelle, poiché ti mostreremo il processo standard per una skin care completa.

Una volta comprese le fasi della beauty routine, puoi anche chiedere un consulto gratuito in video call ad un professionista del settore per aiutarti nell’acquisto del cosmetico giusto!

I passaggi base della beauty routine: che prodotti utilizzare

Una skin care completa si può creare facendo seguire diversi step. L'ispirazione in questo caso viene dalla ormai famosissima skin care coreana, che prevede il layering, ovvero la stratificazione di più prodotti sul viso. Si parte dalle consistenze più acquose per arrivare, strato dopo strato, ai prodotti più corposi. La skin care coreana prevede 10 step, noi la proponiamo riadattata e semplificata.

Ma è sempre necessario seguire tutti gli step? Non sempre, ad esempio le maschere si possono fare 1 o 2 volte a settimana, così come l'esfoliazione viso tramite scrub che può essere effettuata 1 volta a settimana.

E perché bisogna seguire sempre diversi step nella nostra beauty routine? 

Se si cerca una routine viso veramente funzionale e perfettamente adattata alle proprie esigenze, non possiamo pretendere di trovare tutte le risposte in solo prodotto. È l'unione di più prodotti tra loro che può adattarsi meglio alle nostre specifiche esigenze. 

I cosmetici da soli sono sicuramente già molto efficaci, ma uniti tra loro vedono aumentare le loro funzionalità.

Ma andiamo per ordine e vediamo come strutturare una beauty routine completa, step by step:

Gli step vanno fatti mattina e sera, salvo eccezioni per alcuni prodotti, la beauty routine va ripetuta ugualmente sia al mattino quando ci si alza, sia la sera prima di andare a dormire.

attivatore_coreana

Step 1 - Detergenza viso

La pulizia è la prima regola per trattare bene la pelle!

Va eseguita sia di mattina che di sera: la mattina si dovrà eliminare lo strato di cellule morte, depositato durante la notte.

Prima di andare a dormire invece, dobbiamo impegnarci a fondo per eliminare ogni traccia di trucco e di particelle inquinanti accumulate durante la giornata.

  • La mattina: Basta un risciacquo con un sapone viso e acqua fredda, In questo caso facciamo attenzione alla qualità del sapone: meglio optare per saponi bio creati con materie prime di ottima qualità e appositamente formulati per il viso o anche Mousse detergenti specifiche per la detersione 
  • La sera: Si parte con un latte detergente o burro struccante che andremo a massaggiare su tutto il viso e poi a rimuovere con un panno umido. Passando per il risciacquo con il detergente della mattina ed infine tamponando delicatamente il viso con un asciugamano morbido e pulito.

La detergenza consigliata per la sera prevede  l’adozione della doppia detersione, considerata uno dei metodi più delicati, ma allo stesso tempo funzionali, per eliminare make up pesanti e impurità cutanee. Consigliato per tutte le pelli, soprattutto per quelle sensibili.

detergenti-3

Step 2- Scrub ed esfolianti per la pelle del viso

L'esfoliazione può essere chimica (con acidi), enzimatica o meccanica (con scrub) ed è un’alleata perfetta per la rimozione delle cellule morte. La pelle è un vero e proprio organo, costituito da strati sovrapposti l’uno sull’altro, in grado di determinare il continuo rinnovo cellulare.

Con l’esfoliazione potrai agevolare il naturale processo di rigenerazione, aiutando la pelle ad eliminare le particelle residue dei cheratinociti a fine vita. Il rischio di eseguire  troppo spesso l’esfoliazione, sta nell’indurre una sovrastimolazione follicolare, con produzione di sebo o nel rimuovere una quantità eccessiva di lipidi e acqua, portando la pelle ad una condizione di secchezza. Quindi esfoliare si, ma non troppo.

Il peeling chimico è un trattamento per il viso che permette l’esfoliazione profonda della pelle favorendo una pelle più compatta, luminosa, levigata. Fa parte di questo tipo di trattamenti il Peeling AHA, un trattamento mensile di pulizia e rigenerazione profonda ad alta tollerabilità cutanea: si applica 1 volta al giorno per 6 giorni, si tiene in posa 10 minuti e si sciacqua. Dopo 6 giorni di utilizzo la pelle risulta rinnovata dell’83%: per saperne di più si può leggere l'approfondimento qui.

L'esfoliazione può avvenire anche tramite scrub, basta esercitare piccole rotazioni con i polpastrelli delle dita, imprimendo una lieve pressione, così da far lavorare i microgranuli contenuti all’interno del prodotto. Consigliamo di fare lo scrub 1 volta a settimana al posto della detersione mattutina. Se si è effettuato il peeling aspettare 1 settimana-10 giorni prima di applicare nuovamente lo scrub.

Per il viso va sempre bene uno scrub delicato con grani piccoli, proprio come i nostri scrub viso Wonderscrub e Nice to Meet You.

multimasking-purificante-lenitivo

Step 3 - Maschere viso 

Si tratta di una vera e propria coccola di bellezza che se inserita nel modo corretto all’interno della beauty routine farà la differenza: infatti con una sola applicazione di maschera viso in tessuto, la pelle può assorbire in un'unica volta la quantità di attivi che normalmente assorbirebbe in una settimana.

Dobbiamo precisare che in commercio esistono molte tipologie di maschere come ad esempio: purificante, idratante, anti-age, esfoliante che si dividono a loro volta sulla base del tipo di pelle.

Le maschere sono un vero concentrato di principi attivi e vanno a potenziare la skincare quotidiana.

In genere si consiglia una o due applicazioni alla settimana facendo attenzione a non superare i tempi di posa: prenditi del tempo per un po’ di relax, il bello delle maschere viso è che possono essere applicate in qualsiasi momento della giornata ma sempre dopo il momento della detersione.

Step 4 -Tonico viso 

Utilizzato dopo aver deterso il viso il tonico aiuta ad eliminare gli ultimi residui d’impurità, contribuendo a purificare i pori dilatati della pelle.

La sua azione rinfrescante e decongestionante sarà utile per le pelli più sensibili e manterrà inalterato il grado d’idratazione del viso affinché la pelle si mantenga morbida e compatta. Inoltre è importante perché prepara la pelle a ricevere gli step successivi della beauty routine.

I tonici si suddividono in soluzioni idroalcoliche o a base acquosa:

  • Tonici a base d'alcool: Formulazioni più diffuse e facilmente reperibili nella grande distribuzione, potrebbero dar problemi a chi soffre d’acne, causando brucione e arrossamenti nelle zone soggette ad infiammazione.
  • Tonici a base d’acqua: Ottenuti prevalentemente dalla distillazione di piante e fiori,come la rosa, risultano totalmente naturali sulla pelle, lasciandoti una sensazione di freschezza mai provata prima.

Unica avvertenza riguarda l’applicazione: attenzione ad evitare la zona del contorno occhi, spruzzare il prodotto direttamente sul viso e tamponare con le dita.

Idrolati_blog_low

Step 5 - Siero per la pelle del viso 

Il siero ha la funzione specifica di veicolare in profondità le creme o i trattamenti che seguiranno.

Di norma al siero va poi aggiunta una crema viso, poiché usato da solo non basta ad idratare, ma apporta alla pelle solo la sua funzione specifica. 

Può avere diverse consistenze, ovviamente da scegliere in base al tipo e all’età della pelle: liquida, in gel o oleosa e dovrebbe essere assorbito immediatamente dal derma senza lasciar traccia sull’epidermide.

Il siero va usato anche su collo e decolletè, parti altrettanto delicate che necessitano di un nutrimento equivalente alla pelle del viso. 

Step 6 - Crema per la cura del viso 

Una buona crema per il viso è indispensabile per la cura quotidiana della pelle, soprattutto se a base di estratti biologici (preferibilmente vegetali) e priva di agenti chimici, come i parabeni.

Ad ogni pelle la sua crema viso, la scelta non va fatta a caso

Adottare fin da subito un prodotto in linea con le proprie esigenze cutanee, permette di ottenere risultati tangibili! Se hai delle incertezze sul tipo di crema da acquistare, potresti:

  • Chiedere un consulto specifico per inquadrare le tue esigenze cutanee.
  • Se hai a grandi linee un'idea sul tipo di pelle, inizia a testare diversi prodotti così da scoprire qual è quella più amata dal tuo tipo di pelle.

Una valida alternativa alla crema notte, per le pelli secche e sensibili è sicuramente l'olio per il viso in grado di proteggere dall'ossidazione e dai radicali liberi. 

Durante la notte ripara i danni cutanei, e rinforza la pelle, formando un film idrolipidico in grado di trattenere l’acqua. Un vero alleato per le pelli aride e soggette a desquamazione.

Erika_contorno_occhi_low

Step 7 - Contorno occhi

Tale area del volto è la più fragile e delicata, a causa della mancanza di ghiandole sebacee e della presenza di uno strato sottile di pelle. Perciò occorre prendersi cura del contorno occhi fin da subito, ricorrendo a creme specifiche.

Gli inestetismi più diffusi che interessano la zona perioculare sono: occhiaie, borse e rughe.

Per rendere performante i cosmetici dedicati al contorno occhi fai attenzione a come li stendi! Applica una piccola quantità di prodotto e inizia a picchiettare con il polpastrello del dito anulare, poi fai una leggera pressione nell’incavo interno dell’occhio e distendi verso l’esterno.  

La beauty routine per poter essere efficace, deve essere in linea con le esigenze del proprio viso di conseguenza bisogna utilizzare prodotti il più possibile naturali in modo costante. Saranno proprio impegno e costanza a darti i risultati che cercavi.

Cosmetica biologica: i benefici per la pelle e per la salute 

Alla base della cosmetica biologica c’è la ricerca di materie prime rispettose per l'ambiente, sane e sicure per la tua pelle e per la tua salute.

Un cosmetico si può definire biologico se prima di tutto è certificato da un ente preposto. In più, una prerogativa che distingue i prodotti de La Saponaria è l’utilizzo di principi attivi derivati da filiera etica, locale ed equosolidale. I nostri ingredienti sono 100% vegan, rispettano i naturali cicli di raccolta e non compromettono l’ecosistema circostante.

Inoltre conoscere i punti di forza della cosmetica biologica, rende più consapevoli riguardo una nuova concezione di cura della pelle, più ampia e coerente con quello che è il mondo dell’ecologia e della salute.

Di seguito tratteremo il tema della cosmesi biologica, ponendo un focus sulle caratteristiche ed i benefici di questa tipologia di prodotti.

autoproduzione cosmetici-1

Cosmetici bio per il viso: pelle perfetta in tutta sicurezza 

L’obiettivo della cosmesi biologica, oltre ad utilizzare principi attivi naturali, è quello di garantire la massima sicurezza dei prodotti per la pelle del viso.

Attraverso analisi di laboratorio vengono approfondite le proprietà chimico-fisiche e microbiologiche degli elementi che compongono il prodotto finale.

Al termine di questo processo viene stilata una valutazione sulla formulazione cosmetica dell’elemento in esame, riportata nel PIF (Product information file) a cui verranno aggiunti i dati sulla fabbricazioni e su possibili effetti collaterali, ad esempio associati ad eventuali allergie.

Dunque la garanzia di un prodotto naturale sta nel creare formulazioni sicure ed efficaci riducendo al minimo l’impatto sul Pianeta.

Autoproduzione di cosmetici per la cura del viso 

L’autoproduzione, oltre a gratificare dal punto di vista manuale, fa del bene alla pelle e al pianeta. Unire diversi ingredienti naturali, approfondire i loro effetti e benefici sulla pelle e creare dei cosmetici biologici personalizzati può rappresentare un vero e proprio hobby, oltre che una pratica sana e sicura per la tua pelle.

L’autoproduzione comporta un minor impatto ambientale, grazie all’utilizzo di materie prime da filiera etica controllata, al riuso del packaging e al valore che si dà al lavoro di chi produce i principi attivi che faranno parte prodotti cosmetici autoprodotti.

Si tratta di una cosmetica su misura e consapevole, perché in linea con esigenze specifiche, ed è capace di far percepire il valore dei principi attivi naturali rispetto agli additivi chimici contenuti in gran parte dei cosmetici per il viso. 

La pratica dell'autoproduzione risiede in antiche tradizioni, quando ad ogni materia prima si dava la giusta importanza, valorizzando i principi attivi che si ottenevano, mediante lavorazioni come ad esempio la saponificazione.

Oggi è possibile riscoprire questa antica arte, densa di saperi popolari e di conoscenze botaniche e chimiche, grazie a ricettari e consigli per creare direttamente a casa l’intera gamma di cosmetici per cura del viso.

Insolidi-ambientata-larga-2

Cosmetici solidi bio per il viso: perché sceglierli?

Sempre più spesso si sente parlare di cosmetica solida, la scelta migliore se ci si sta approcciando ad un’ideale sostenibile, con un basso impatto sull’ambiente.

Questa tipologia di cosmetici si declinano in ogni varietà di prodotto per la cura della pelle del viso: saponi struccanti, maschere viso, scrub esfolianti, di cui non si può fare a meno nella skincare giornaliera.

Il valore aggiunto della cosmetica solida risiede nel rispetto per l’ambiente grazie al packaging in carta e al fatto che sono zero waste. 

Come tutti i cosmetici senza parabeni e petrolati, i prodotti solidi evitano che si formi quella patina idrorepellente, che rende la pelle incapace di traspirare. I cosmetici solidi per la cura del viso sono realizzati attraverso due processi differenti:

  • La saponificazione: Ovvero ottenuti come un normale sapone, ma con un Ph più basico rispetto ai normali cosmetici.
  • La compattazione: Dove gli ingredienti naturali vengono disidratati e ricompattati, in questo modo il Ph rimane invariato come nei corrispettivi cosmetici liquidi.

Nel momento dell’utilizzo basterà bagnare le mani e sfregare il prodotto, come se fosse una semplice saponetta, si formerà una schiuma dalla consistenza cremosa che potrete stendere sulla pelle del viso come se fosse un qualsiasi cosmetico in crema, liquido o schiumogeno.

insolidi-mano

Cosmesi per la cura del viso: ecco da dove partire

Partire da una buona conoscenza della propria pelle è sicuramente un buon inizio. 

Se ancora non è ben chiaro il tipo di pelle, occorre approfondire l’argomento e affidarsi ad una consulenza durante la quale è possibile capire molto, sul derma e sulle caratteristiche ad esso associate. 

Successivamente imposta una beauty routine personalizzata, così da poter portare avanti una cura quotidiana del viso: valorizzando i punti di forza dell’incarnato, mantenendo in ottima salute gli strati cutanei, ed eliminando giorno dopo giorno particelle potenzialmente nocive per la pelle.

In ultimo considera di inserire in maniera graduale prodotti cosmetici autoprodotti, i vantaggi a livello cutaneo sono innumerevoli a partire dall’elevato grado di delicatezza sulle pelli più sensibili e la personalizzazione del Ph.

Una buona routine viso, svolta sia al mattino che alla sera non comporta una grande perdita di tempo, si tratta semplicemente di inserirla all’interno delle abitudini quotidiane, in fondo si tratta di un momento rilassante.

Con il tempo i benefici non tarderanno ad arrivare e saranno moltissimi!

New call-to-action

Lascia il tuo commento