Gli approfondimenti de La Saponaria

Approfondimenti/ Cura del viso/ Beauty routine

8 step per prendersi cura della pelle grassa

Prendersi cura della pelle grassa non è semplice: effetto lucido, punti neri e brufoli sono tutte caratteristiche contro cui chi si riconosce in questo tipo di pelle deve combattere giorno dopo giorno.
Ogni tipologia di pelle ha, infatti, caratteristiche ed esigenze diverse che è bene conoscere per riuscire a trattarla nella maniera più appropriata: una pelle grassa a tendenza acneica ha esigenze diverse da una pelle secca. Ecco qualche consiglio e strategia per trattare al meglio la pelle grassa. 

 

Abbandonare la cosmesi tradizionale

Per prima cosa, per prendersi cura delle pelli grasse occorre decidere di abbandonare la cosmesi tradizionale che è ricca di oli minerali, siliconi e acrilati, i quali inizialmente sembrano essere capaci di donare immediatamente un tocco asciutto e setoso alla pelle ma che in realtà, ne limitano la traspirazione e così facendo rischiano di peggiorare la situazione.

Molto meglio passare ad una cosmesi naturale, scegliendo prodotti specifici e studiando accuratamente le reazioni della nostra pelle.

Prendersi cura della pelle grassa: obiettivi del trattamento 

La pelle grassa appare lucida e oleosa, con un colorito spento e con la presenza di comedoni, brufoletti e pori dilatati. Al tatto si presenta untuosa, ruvida, con una trama irregolare. Insomma un disastro! Per correre ai ripari dobbiamo perciò intervenire con un trattamento ad hoc.

Gli obiettivi principali di un trattamento cosmetico contro la pelle grassa sono:

  • Migliorare l'aspetto della pelle, rendendola visibilmente meno unta e più sana
  • Detergere delicatamente la pelle grassa
  • Purificare la pelle e normalizzare e contenere la produzione sebacea
  • Esfoliare la pelle, incoraggiando il rinnovamento cellulare
  • Contrastare la proliferazione batterica, responsabile di papule, pustole e lesioni acneiche
  • Incoraggiare la chiusura dei pori
  • Idratare in profondità
  • Proteggere la pelle dagli agenti atmosferici

 Obiettivi di una beauty routine per la cura della pelle grassa

 

Il trattamento per la pelle grassa prevede l'impiego di differenti prodotti ad azione sinergica. Gli ingredienti funzionali in un cosmetico per questo tipo di pelle devono essere accuratamente selezionati per migliorare il disturbo senza però risultare troppo aggressivi nei confronti della cute

Possiamo prenderci cura della nostra pelle grassa e ottenere questi obiettivi in 8 semplicissimi passaggi.

Gli 8 step per prendersi cura della pelle grassa: 

  1. Detergere la pelle grassa
  2. Tonificare la pelle grassa
  3. Normalizzare la produzione di sebo
  4. Purificare la pelle grassa
  5. Esfoliare la pelle grassa
  6. Come idratare la pelle grassa
  7. Proteggere la pelle grassa dal sole
  8. Il make up per le pelli grasse

 


 

Non hai ancora chiaro quale sia il tuo tipo di pelle?

Se vuoi possiamo darti una mano noi!

Scarica la Checklist!

1. Detergere la pelle grassa

Sebbene l’operazione possa sembrare facile e banale è necessario prestare particolare attenzione al detergente utilizzato per la pulizia. Un prodotto troppo aggressivo, infatti, può fungere da stimolo per un aumento ulteriore della produzione sebacea.

L'utilizzo di detergenti eccessivamente sgrassanti porta, infatti, alla comparsa di quello che è noto come "effetto paradosso", situazione in cui le ghiandole sebacee rispondono allo stimolo eccessivo subito dalla pelle con l'aumento della produzione di sebo. Per evitarlo è molto meglio utilizzare prodotti delicati e facilmente risciacquabili, come ad esempio latti detergenti leggeri, saponi delicati, lozioni formulate con estratti di amamelide, bardana, melissa o aloe vera e prediligendo un pH leggermente acido, intorno a 4,5 e 5,5, che aiuta a controllare l'esagerata secrezione di sebo sostenuta delle ghiandole sebacee e quindi a limitare l’effetto lucido e la presenza di impurità.

2. Tonificare la pelle grassa

Dopo aver deterso la pelle grassa, si può ricorrere all’uso di un tonico.

Questo deve essere senza alcol dal momento che i prodotti a base alcolica possono risultare irritanti per questo tipo di pelle, che è già di per sé molto sensibile.

La soluzione migliore in questo caso è scegliere le acque attive o idrolati ad effetto riequilibrante e purificante.

 

cura della pelle grassa

 3. Normalizzare la produzione di sebo

La pelle grassa è il risultato di una iperproduzione di sebo, favorita dalle ghiandole sebacee. Per prenderci cura della nostra pelle grassa al meglio dobbiamo cercare di ridurre questa eccessiva secrezione sebacea. I prodotti in grado di normalizzare la produzione di sebo si ottengono combinando attentamente alcuni specifici ingredienti che interferiscono con la sua produzione, assorbendo nel contempo quello in eccesso, e sono:

  • Ingredienti assorbenti ed opacizzanti, come l’argilla bianca, la polvere di riso o la bentonite, che rendono meno fluido il sebo e riducono visibilmente l’ effetto lucido-oleoso
  • Ingredienti seboregolatori o sebo-normalizzanti, come i tannini e i flavonoidi. I tannini hanno la capacità di reagire con la cheratina, determinando un restringimento dei dotti sebacei e quindi portando ad una diminuzione di produzione di sebo

Estratti vegetali molto ricchi di tannini sono per esempio, quelli di bardana, betulla, hamamelis, salvia, etc.. L’utilizzo di queste piante officinali ricche di tannini per la cura della pelle grassa, ha poi un duplice vantaggio: non solo riducono la produzione del sebo ma hanno anche un’attività contro i radicali liberi ed un effetto decongestionante e antinfiammatorio particolarmente utile in caso di presenza di acne.




Ti piacerebbe conoscere i segreti per una beauty routine su misura per te?
Scarica il nostro ebook “Consigli di beauty routine per ogni tipo di pelle”!



 

Alcune volte la pelle è grassa non tanto per un’eccessiva produzione di sebo ma piuttosto per una sua variazione di tipo qualitativo.

Il sebo è ceroso e oleoso e poco fluido. La pelle non risulta lucida ma opaca e asfittica perché coperta da uno strato di sebo più denso del normale. In questo caso, può essere utile l’utilizzo di alcuni oli vegetali ricchi in acido linoleico (come l’olio di canapa, germe di grano o di passiflora).

Questo ha infatti proprietà riequilibranti nella composizione del sebo (ma non sulla quantità secreta!) e, per questo particolare tipo di pelle, l’applicazione dei oli o di creme che li contengono, può risultare efficace.

4. Purificare la pelle 

La pelle grassa è spesso associata ad acne, punti neri ed impurità cutanee di vario genere.

Possibili ingredienti alleati, per limitare la proliferazione dei batteri, sono gli oli essenziali naturali, come quelli estratti dalla lavanda o il tea tree oil, conosciuto anche come olio di melaleuca.

Maschere astringenti a base di argille arricchite con tali oli o maschere alla polvere di riso e siero anti-imperfezioni si sono rivelati amici importanti per il trattamento della pelle grassa.

Particolarmente indicato nel trattamento della pelle impura e acneica è l’acido azelaico.

Si tratta di una sostanza naturale presente sulla cute e ricavata dal frumento in grado di inibire la formazione di acidi grassi liberi sulla superficie della pelle, favorendone l’equilibrio.

Ha inoltre ottime proprietà antinfiammatorie ed antibatteriche, inibisce la formazione dei batteri che causano l’acne ed è un potente alleato contro brufoli e punti neri.

 

prenderci cura della pelle grassa comedone

Puoi utilizzare su tutto il viso creme e lozioni purificanti che contengono questo tipo di ingredienti e sieri specifici per un’azione più mirata direttamente su imperfezioni e brufoletti.

Un’applicazione regolare di impacchi specifici può migliorare sensibilmente e visibilmente il disturbo.

Anche questo rimedio però deve essere preparato con attenzione. È infatti necessario conoscere le proprietà degli oli essenziali e degli estratti vegetali per ottenere un l’effetto benefico sperato. I principi attivi più indicati a questo scopo sono:

  • Essenza di limone
  • Essenza di betulla
  • Essenza di rosmarino
  • Estratto di bardana
  • Olio essenziale di menta
  • Olio essenziale di eucalipto

5. Esfoliare la pelle grassa 

Un trattamento cosmetico esfoliante è in grado di donare nuova luce alle pelli grasse, che spesso vediamo spente e ingrigite. Usando un prodotto con questa caratteristica possiamo incoraggiare il rinnovo cellulare e stimolare la produzione di nuove cellule, collagene ed elastina.

Inoltre, sempre grazie a un buon prodotto esfoliante possiamo liberarci dal sebo in eccesso intrappolato nei dotti ghiandolari, pulendo la pelle in profondità.

Anche in questo caso la natura è in grado di darci una mano. Dalla lavorazione del seme di jojoba, dalle macinazione dei semi di pesca o dai gusci di noci e mandorle è possibile ottenere le microsfere dotate di un effetto esfoliante degno di nota.

Puoi effettuare un trattamento esfoliante una o due volte a settimana e subito dopo l’esfoliazione applicare una maschera purificante. Ricordati che le maschere devono essere effettuate sempre sulla pelle accuratamente pulita e meglio ancora, dopo l’esfoliazione, in caso contrario le impurità penetrerebbero profondamente nei pori.

 




Cerchi una guida completa su quali sono i gesti quotidiani più adatti a te?
Scarica il nostro ebook “Consigli di beauty routine per ogni tipo di pelle”!



 

6. Come idratare la pelle grassa 

L'idratazione è un altro step fondamentale quando parliamo della pelle grassa. A causa del suo aspetto lucido e oleoso, infatti, in tante sperano di ottenere buoni risultati utilizzando detergenti con forti proprietà sgrassanti e facendo uso eccessivo di scrub ed esfolianti.

Attenzione però, perché un eccesso di detersione e pulizia può impoverire il naturale film idrolipidico e così facendo, l'efficacia protettiva della barriera cutanea viene meno e l'acqua presente negli strati superficiali dell'epidermide evapora più facilmente facendo si che la pelle oltre a risultare sempre più grassa, appaia perfino disidratata!

Anche la pelle grassa ha quindi bisogno di idratazione: scegli creme leggere ma ricche di ingredienti idratanti e meglio ancora se contengono al loro interno principi attivi sfiammanti o seboregolatori come Melissa, Bardana o Aloe Vera. Puoi usarla mattina e sera sul viso pulito e dopo un siero specifico anti-imperfezioni. Se le zone del viso presentano forti differenze (per esempio se nella zona T rilevi una eccessiva untuosità) puoi scegliere di utilizzare solamente il siero in alcune parti del viso.

Se la pelle risulta anche disidratata e asfittica potresti trarre molto beneficio anche dall’utilizzo di attivi idratanti, particolarmente utile potrebbe essere l’estratto sinergico di pisello o l’acido ialuronico, puoi usarlo al posto del siero o in aggiunta alla tua crema idratante.

7. Proteggere la pelle grassa dal sole

Non lasciamoci ingannare dall’iniziale tocco benefico del sole che secca la pelle e cancella le imperfezioni: utilizziamo sempre un filtro solare per proteggerci dai danni dei raggi solari, il beneficio è solo momentaneo, il sole porta ad un invecchiamento precoce della pelle e, a lungo termine, ad un riacutizzarsi del problema.

Attenzione però, una crema non appropriata può addirittura aumentare la produzione di sebo, e di conseguenza di punti neri e brufoli. La consistenza da preferire è molto fluida e leggera, in grado di proteggere, idratare ed opacizzare la pelle, senza ostruire i pori e favorendo la corretta traspirazione dell’epidermide.

 

make up per prendersi cura delle pelli grasse

8. Il make up ideale per le pelli grasse

Truccare la pelle grassa può essere una vera scocciatura, specialmente in estate, quando si tende a sudare di più.

Oleosità, micro sudorazione e pori dilatati sono i nemici principali che caratterizzano questo tipo di pelle e che si acuiscono durante il periodo caldo. Non solo, il trucco può rivelarsi un pasticcio nel giro di poco tempo.

Come truccarsi per ovviare a tali problemi?

Successivamente allo skin-care è preferibile procedere con fondotinta compatti appositamente studiati per adattarsi al tipo di pelle. Se non ci sono grandi imperfezioni, l’ideale è un fondotinta minerale, perfetto per assorbire gli eccessi di sebo.

A seguire scegliere ciprie leggere ed impalpabili in grado di assorbire l'oleosità e opacizzare l'incarnato. Questo tipo di prodotti:

  • Non aumentano in modo eccessivo l’idratazione della pelle
  • Contrastano l’effetto lucido, avendo un effetto opacizzante
  • Aumentano la tenuta del trucco, “assorbendo” il sebo in superficie
  • Evitano la comparsa di punti neri e bianchi, e di brufoli sotto pelle


Puoi sostituire la cipria l’amido di riso puro che fissa il trucco e non lucida la pelle, con l’uso costante migliora l’elasticità e la morbidezza della pelle. Passatelo sul viso, asciuga il sebo senza sbiancare la pelle!

Completate quindi con blush o terra o illuminante ma sempre in polvere.

Se hai la pelle particolarmente lucida meglio scegliere un primer o un siero ad effetto opacizzante da utilizzare prima del make-up, ti sarà di grande aiuto.

Le BB Cream: un'alternativa al fondotinta

La BB Cream (Blemish Balm, che tradotto vuol dire crema anti imperfezioni), è una crema multifunzione che riesce a perfezionare le discromie cutanee.

E’ nata qualche anno fa in Germania come prodotto curativo ed estetico per chi aveva subito interventi di chirurgia laser sulla pelle, e il mondo della cosmesi ha quindi cominciato ad avvicinarsi a questo nuovo prodotto.

Per dirla in altre parole, la BB cream è una crema idratante e un fondotinta messi insieme, un 2 in 1.

Si tratta di trattamenti idratanti dalla texture leggermente colorata che, a differenza delle creme colorate, copre perfettamente rossori, brufoli, macchie cutanee e piccole rughe, rendendo così in un solo gesto l’incarnato uniforme.

Associa quindi alla funzione del fondotinta, una funzione curativa della pelle ed in più protegge dai raggi UV. In più non cambiano il colore della carnagione, ma lo perfezionano rendendolo più radioso. 

Un ultimo consiglio su come prendersi cura della pelle grassa

Evita di toccarti troppo il viso durante il giorno!!! 

Quando ti tocchi il viso con le mani puoi spargere sebo e batteri. Tocca il viso solo durante la pulizia, l’idratazione o l’applicazione di creme solari o trucco e assicurati che le tue mani siano pulite prima di farlo.

New call-to-action

Lascia il tuo commento

Cerca Nel Blog

Hai la passione del fai da te? Raccontaci come realizzi i tuoi cosmetici naturali

Invia la tua ricetta

Prima volta su La Saponaria? Prova i cosmetici in formato mini!

Ordina il minikit

Cosmetici Sostenibili

Autoproduzione

Sei un nostro rivenditore o vuoi sapere come diventarlo?

Vai all’area rivenditori

Ti piacerebbe una linea di cosmetici bio con il tuo olio o il tuo marchio?

Produzioni personalizzate