Menu

Gli approfondimenti de La Saponaria

Packaging: l'impegno de La Saponaria per un mondo più green

Qui a La Saponaria da sempre ci impegniamo per utilizzare packaging leggeri e sostenibili per i nostri cosmetici ma ora abbiamo fatto un passo in più: vogliamo sostituire tutti i flaconi in plastica vergine con materiali più sostenibili.

Amiamo davvero il nostro mondo e vogliamo fare il possibile per diventare sempre più zero waste, plastic free e sostenibili. In questo articolo parliamo delle scelte de La Saponaria in termini di packaging:

Basta plastica vergine

Non giriamoci intorno: la plastica è comoda, economica, resistente. Non per nulla è uno dei materiali più utilizzato al mondo per tantissimi scopi e non a caso è il materiale più utilizzato in campo cosmetico per contenere creme, shampoo e tutti i prodotti che hanno bisogno di un contenitore. Questo perché è un materiale stabile, non interagisce con i liquidi in esso contenuto e ha una lunghissima conservazione, si degrada completamente solo in centinaia di anni. Per tutti questi motivi, dal 1950 al 2015 la sua produzione è cresciuta dai 2 milioni di tonnellate ai 380.

Il problema? Si ottiene dalla lavorazione del petrolio, una filiera terribile sia dal punto di vista ambientale che da quello dei diritti umani, e solo una parte della plastica che usiamo viene correttamente eliminata o riciclata, mentre il resto finisce in discarica o nell’ambiente, per sempre!

New call-to-action

Aggiungiamoci anche che plastica che produciamo in Italia e in Europa è troppa, e il suo corretto smaltimento è costoso: da qui prende il via l’enorme problematica del traffico illecito di rifiuti. Greenpeace nel 2019 denunciava che più di 1.300 tonnellate di rifiuti in plastica erano state spedite illegalmente nei primi nove mesi di quell’anno dall’Italia alla Malesia. Polieco, il Consorzio Nazionale per il riciclaggio dei rifiuti dei beni a base di polietilene, da diversi anni denuncia il fenomeno del traffico illecito che non riguarda solo i Paesi asiatici, sempre più mete di esportazione per l’occidente, ma anche Paesi europei che riescono ad essere raggiunti con maggiori possibilità di eludere i controlli.

La soluzione quale può essere? Come consumatori possiamo scegliere sempre materiali alternativi alla plastica, ad esempio facendo scelte zero waste, prediligendo materiali diversi e più sostenibili, ed è quello che vogliamo fare anche come produttori!

Cosa possiamo fare per un mondo senza plastica?

Qui a La Saponaria abbiamo un progetto ambizioso: abbandonare tutti i flaconi in plastica vergine a favore di materiali più sostenibili e green. Ecco quali sono tutte le soluzioni che abbiamo finora adottato.

I cosmetici solidi

Noi siamo partiti proprio da qui, dal sapone! Il nostro sapone solido, fatto con ingredienti di prima scelta, buono per chi lo usa e a bassissimo impatto ambientale non poteva che avere un pack in cartoncino riciclato 100% eco compatibile. Ed è possibile trovare presso tutti i nostri Biostorie, il nostro spaccio aziendale e moltissimi dei nostri rivenditori, il sapone al taglio, per evitare totalmente l’uso di qualsiasi imballaggio!

saponi_cestino_blog

Nel corso del tempo abbiamo poi ampliato tantissimo la nostra linea di solidi, ora abbiamo solidi per la cura del corpo dalla punta dei capelli a quella dei piedi:

  • gli Insolidi: i nostri shampoo e balsami solidi. Tutti i prodotti sono contenuti in scatoline in carta e cartoncino
  • la Linea Wonder Pop che propone tantissimi prodotti per la cura del viso, dai detergenti, allo scrub, al burro struccante e alle maschere super concentrate. (Qui l’articolo per saperne di più sulla linea) Tutti i prodotti sono contenuti in scatoline in carta e cartoncino, mentre le maschere hanno un vasetto in PLA, certificata 100% ecocompatibile e conferibile nell’umido
  • il Sapone da doccia Mandorla e Zenzero che è anche scrub, contenuto in una scatolina in carta riciclata
  • le Creme solide, cinque diverse per creme corpo per tutti gli usi e tutte le esigenze contenute in un sacchetto in amido di mais conferibile nell'umido e in una scatolina in carta riciclata 

Qui si possono trovare tutti nostri cosmetici solidi e plastic free.

gruppo-900x600

Il vetro

Il vetro è un materiale nobile: ha origine naturale, proviene infatti dalla lavorazione della sabbia, ed è riciclabile all’infinito! Per questo il suo utilizzo è in piena filosofia zero waste. Da sempre abbiamo usato questo materiale per contenere moltissimi nostri prodotti: secondo noi il vetro blu è il miglior materiale per contenere gli oli essenziali.

Il vetro in genere, è ottimo per contenere gli oli: ad esempio nel vetro troviamo l’olio di mandorle, l’olio di argan, i Cristalli vegetali per i capelli. Contenuti nel vetro abbiamo anche tutte le creme, le acque attive e i sieri viso della Linea viso Costituzionale e i collutori della Linea Bio&Smile.

linea-viso-costituzionale-900x600

L’alluminio riciclato

Anche questo è un materiale estremamente interessante, e aderisce appieno alla filosofia zero waste. L’alluminio un metallo molto leggero e versatile, utilizzato in tutto il mondo perché estremamente duttile e utile per la realizzazione di beni a lunga durata e imballaggi. Il suo grande vantaggio? E’ facilmente riciclabile: si stima che il 70% di tutto l'alluminio prodotto da sempre in tutto il mondo sia ancora in circolazione! Per approfondire si può leggere l’articolo qui.

Noi abbiamo scelto questo materiale per contenere le nostre cremine mani bio, gli Unguenti officinali, il Burro di Karité e Trattamento sbiancante Wonderwhite.

unguenti

La bioplastica

La bioplastica è un materiale in polietilene, un materiale derivato dalla canna da zucchero invece che dal petrolio: si tratta quindi di un materiale “bio-based” (a base bio), ricavato da materiale vegetale, quindi di origine biologica, e non include nessun componente di origine fossile (carbone o petrolio). Sono fonti rinnovabili: la canna da zucchero da cui viene ricavata la bioplastica dei nostri flaconi viene coltivata in Brasile, in coltivazioni sostenibili a basso utilizzo di acqua e a basso impatto ambientale. A fine vita il flacone si può riciclare nella raccolta della plastica. Per saperne di più, si può leggere l’articolo di approfondimento qui.

Abbiamo quindi scelto di usare questo materiale, molto più green della normale plastica, per tutti i nostri flaconi dei nostri shampoo liquidi (che, ci piace ricordare,  sono concentrati e quindi hanno una lunghissima durata) dei nostri balsami, scrub e maschere per capelli, delle nostre creme corpo e detergenti della Linea Radici, del nostro Contorno Occhi della Linea Wow. Anche i flaconi di shampoo e detergente della Linea Uomo SativAction e del nostro detergente intimo, bagnodoccia Mediterraneo sono in bioplastica, come anche le confezioni del Succo di Aloe e dello Scrub corpo e i tubi dei nostri dentifrici.

luigi-gaia_900x600

Acetato di cellulosa

Lo sapevi che un normale spazzolino da denti di plastica impiega fino a 1.000 anni per decomporsi? E che ogni anno nel mondo vengono prodotti 3,4 miliardi di spazzolini? Solo in Italia, se tutti seguissero le raccomandazioni dei dentisti di cambiare spazzolino ogni 3-4 mesi produrremo 240 milioni di spazzolini, 2.4 milioni di kg di rifiuti plastici!

Cercare un’alternativa allo spazzolino in plastica usa e getta deve quindi diventare una priorità per tutti. Si trovano tantissimi spazzolini alternativi, ma la verità è che lo spazzolino in plastica rimane per molti il più comodo da usare.

Ecco perché noi proponiamo spazzolini da denti in acetato di cellulosa, un materiale ricavato dalla polpa del legno e dal fiocco di cotone, totalmente naturale, 100% biodegradabile, sostenibile e che permette di avere lo stesso comfort dello spazzolino in plastica: non marcisce, è ergonomico, è insapore. Il manico di questo spazzolino se accidentalmente disperso nell’ambiente ha una durata di 4 anni (a fronte dei 1000 che ci impiega lo spazzolino in plastica) ma la cosa più interessante è che non ci dovremo mai preoccupare di buttare il manico o riciclarlo! Con le testine intercambiabili gli assicuriamo una vita pressoché eterna, riuscendo quindi ad impattare sull’ambiente il 92% in meno ad ogni cambio spazzolino.

LineaAttiviGruppo

La plastica riciclata re-bottle

Come far sì che la plastica usata non venga più considerata uno scarto ma sia trattata come una risorsa? Possiamo farlo cercando di incentirvarne al massimo il riciclo! Proprio questo fa della plastica re-bottle un materiale molto interessante: si tratta infatti di plastica riciclata post-consumo.

La normale plastica riciclata deriva infatti spesso da scarti industriali. La plastica re-bottle invece deriva dalla lavorazione della plastica che buttiamo nella raccolta differenziata. Se ci fosse un aumento della richiesta di questo materiale, sempre meno plastica verrebbe dispersa nell’ambiente o finirebbe in qualche discarica illegale nel Sud del mondo. 

Ecco perché cerchiamo di usare questo materiale sempre, laddove ci è possibile! Lo abbiamo scelto per tutti i nostri Attivi Puri, per tutti i nostri idrolati e per contenere moltissimi dei nostri oli e delle nostre materie prime per l’autoproduzione.

Mirtilla_900x600

La plastica di mare

Tra tutti i nostri materiali, questo è quello che ci rende più orgogliosi e fieri: la plastica di mare! Si tratta di plastica raccolta negli oceani resa disponibile per una nuova vita! Il mare è pieno di plastica e se non facciamo nulla, secondo il World Economic Forum, entro il 2050 la plastica circolante negli oceani peserà di più dei pesci che vi abitano.

Il problema è complesso e non può essere affrontato solo da un punto di vista. Non basta evitare di produrre rifiuti plastici. Dobbiamo da una parte batterci perché la plastica non finisca più nei mari, studiando sistemi di raccolta nei fiumi ad esempio, e pretendendo dai singoli stati una migliore gestione dei rifiuti. Ma dobbiamo anche occuparci di andare a raccogliere tutta quella plastica che è accumulata, portarla a terra, differenziarla, lavorarla e renderla nuovamente disponibile per l’uso.

Hanno il flacone in plastica di mare la Mousse detergente Mirtilla e la Mousse da barba.

 

La nostra piccola parte per ripulire i mari

Qui a La Saponaria abbiamo organizzato una giornata in collaborazione con Sea Shepherd, associazione che da 40 anni si batte per la difesa degli oceani, che abbiamo chiamato Operazione plastica di mare: il 25 settembre 2020 siamo andati a ripulire la spiaggia di Fiorenzuola di Focara, gioiello del Parco naturale San Bartolo in provincia di Pesaro. In poco più di un'ora abbiamo raccolto più di 100 chili di rifiuti. Qui l’articolo che parla dell’iniziativa: è stata solo una goccia nell’oceano, ma senza quella goccia l’oceano sarebbe più piccolo!

I cosmetici in polvere da reidratare

A La Saponaria poi abbiamo fatto un passo in più: come avere texture liquide evitando flaconi usa e getta? Abbiamo trovato una soluzione zero waste e plastic free anche in questo caso: sono i cosmetici in polvere da reidratare! La linea si chiama Eco-Pow(d)er e ha al suo interno Bagnodocciashampoo saponi mani in polvere da reidratare, formulati con ingredienti naturali che si prendono cura di pelle, capelli e del nostro meraviglioso pianeta! E perché le Eco polveri sono così rivoluzionarie? Perché ogni volta che utilizzi una bustina di Eco-Pow(d)er eviti un flacone in plastica usa e getta: aggiungendo della semplice acqua le formule si reidratano e diventano shampoo, bagnodoccia e saponi mani liquidi con una storia ancora più virtuosa e sostenibile di quelli tradizionali! Ecco come funziona:

 

I nostri cosmetici in polvere non hanno bisogno di packaging in plastica, riducendo così la produzione di CO2 e evitando la dispersione di materiale plastico nell’ambiente.

Le speciali formule in polvere sono formulate con il 99% di acqua in meno rispetto ad un prodotto tradizionale. Questo significa che in fase di trasporto una bustina di ecopolvere pesa meno e occupa meno spazio di un flacone tradizionale, permettendo così il risparmio di tantissima C02. Per saperne di più su Eco-Pow(d)er e i cosmetici in polvere da reidratare, si può leggere l'articolo di approfondimento qui.

Essere più sostenibili da tutti i punti di vista

Il packaging non è l'unico aspetto su cui stiamo lavorando! Amiamo davvero il nostro mondo e cerchiamo di essere sostenibili a 360°. Non ci basta quindi creare cosmetici biologici e dal basso impatto ambientale sia dal punto di vista delle formule che da quello del packaging, ma curiamo anche altri aspetti, quelli a cui di solito non si pensa, ma che hanno un impatto enorme sull’ambiente, come ad esempio la logistica.

Da qualche tempo infatti, abbiamo adottato nuovi bancali in carta riciclata per sostituire i classici bancali in legno. I nostri pacchi sono totalmente plastic free: prima per l'imballo utilizzavamo chips in mais, ora abbiamo optato per avvolgere i nostri prodotti nella carta riciclata, una soluzione ancora più green. Anche lo scotch che utilizziamo per chiudere i nostri pacchi è ora al 100% in carta, più facile da smaltire e riciclare. Anche nei nostri uffici abbiamo tanti accorgimenti, dalla raccolta differenziata, alla macchina del caffè che non elargisce bicchierini usa e getta, fino al distributore dell'acqua in cui possiamo riempire la borraccia, Il nostro laboratorio poi ha una produzione green, è alimentato da energia 100% rinnovabile ed è super efficiente dal punto di vista energetico. Qui utilizziamo tecnologie a risparmio energetico e abbiamo creato un sistema di produzione circolare in grado di ridurre al minimo gli scarti di lavorazione: il nostro laboratorio è progettato per consumare il meno possibile e per produrre pochissimo materiale di scarto. Per saperne di più si può leggere il nostro articolo di approfondimento La logistica può essere green? Qui a La Saponaria pensiamo di sì!

Amiamo davvero il nostro mondo e ogni giorno ci impegniamo per salvaguardarlo. 💚

New call-to-action

Lascia un commento
Tutti i commenti